Museo degli affreschi bizantini della Cripta di Santa Maria degli Angeli

SMVP (Elenco Beni Sistema Museale)

 
Cenni Storici Cenni Storici

L’obliterazione dell’originario sito di «S. Maria de la Grotta» avvenne per volontà del vescovo di Castro, Giorgio Rosa, tra il 1521 e il 1530, per motivi o circostanze a noi ignote.
Bisognerà attendere il 1929 per la definitiva ri-scoperta della cripta di Santa Maria degli Angeli e della sua decorazione pittorica che fin da subito rivelò la devastante precarietà dello stato di conservazione in cui versava, segnata inesorabilmente dai numerosi danni causati soprattutto dalle forti infiltrazioni di acqua e umidità.
Nonostante alcuni interventi-tampone effettuati nel corso dei successivi venticinque anni, nel 1955 Cesare Brandi, Direttore dell’Istituto Centrale del Restauro di Roma, decise la definitiva asportazione a massello delle pitture murali, pena la loro totale perdita a causa delle muffe e delle avanzate incrostazioni di carbonato. I pannelli recuperati dall’operazione di distacco furono restaurati presso i laboratori romani dell’illustre istituto ed esposti prima ai Mercati Traianei nel ‘58 e a Torino nel ‘61.
La sede di Poggiardo ne reclamava però il ritorno. Brandi in più occasioni aveva escluso che gli affreschi potessero tornare nella loro sede originaria, auspicando la necessaria predisposizione di un nuovo luogo espositivo adatto ad accoglierli. L’Amministrazione Comunale commissionò nel 1969 a Franco Minissi la «progettazione di un padiglione per allocare gli affreschi bizantini di S. Maria degli Angeli».
I lavori per il Museo degli Affreschi procedettero rapidamente e nel settembre del ‘72, a lavori quasi ultimati, i dipinti furono trasferiti nella nuova sede.
La sede, al centro della villa comunale, in Piazza Episcopo, fu definitivamente inaugurata nel 1975. Il piccolo museo è progettato per conferire a ogni opera uno spazio simile alla collocazione originaria, conferendo una percezione sensoriale analoga a quella rupestre.

Chi oggi visita Poggiardo recupera in due tappe la memoria bizantina di S. Maria degli Angeli: nel sito originario della cripta ove sono state allocate le riproduzioni degli affreschi, visitabile su richiesta, e nelle pitture originali nel museo in Piazza Episcopo.